LR 10/2010 per il recupero dei terreni abbandonati, il comune di Stregna ci riprova

La giunta comunale di Stregna, nella seduta del 18 giungo scorso, ha presentato nuovamente domanda di contributo alla regione. Il fine è il finanziamento per il recupero dei terreni incolti e/o abbandonati in territorio montano previsto dalla LR n.10/2010, primo firmatario l'ex sindaco di Tarvisio Franco Baritussio.

[caption id="attachment_3272" align="aligncenter" width="590"]vista aerea del comune di Stregna vista aerea del comune di Stregna in autunno[/caption]

La delibera di giunta è disponibile all'indirizzo: http://albopretorio.regione.fvg.it/archivioatti/stregna?avanzata=true&tipo=4543&dataDa=19%2F06%2F2013&dataA=21%2F06%2F2013&testo=&numeroAtto=60&ufficio=&btnsubmit=cerca&ordinamento=0&nxpag=10.

La giunta chiede di intervenire per un raggio di circa mt.100 rispetto alle aree residenziali di: STREGNA - VARCH - OBLIZZA - GNIDOVIZZA - PODGORA - PRESSERIE - RAUNE - DUGHE.

La LR n.10/2010 prevede un raggio d'intervento di 500m dai centri abitati, la delibera parla di 100m.

Ci sono voci che alcuni cittadini di Stregna si sono già organizzati per sollecitare la richiesta di contributo. Manifestando l'interesse di intervenire sui loro fondi.

Le frazioni di Tribil Superiore e Tribil Inferiore, quelle dove persistono la maggioranza dei prati stabili del territorio sono escluse dall'area di intervento come da delibera di giunta.

Ricordo che l'istruttoria regionale della variante n.3 al PRGC chiede di individuare tramite lo strumento urbanistico le aree di intervento della LR 10/2010.

Della stessa domanda di contributo presentata lo scorso autunno 2012 non si sa ancora niente, chissà cosa hanno combinato.

Finalmente qualcosa si muove, spero che almeno quest'anno qualcosa vada in porto.

LP