FreePlanine: anche la Coldiretti si oppone alla variante al PRGC di Stregna

[caption id="attachment_2851" align="aligncenter" width="625"] Prati di Planino a Stregna[/caption]

È scaduto oggi il termine per la presentazione delle osservazioni/opposizioni alla proposta di variante n.3 al PRGC di Stregna.

Il Movimento FreePlanine ha presentato numerosi documenti che analizzano criticamente le proposte dell'amministrazione comunale. Parte di questi sono piuttosto corposi e sono stati redatti con l'aiuto di professionisti che hanno messo a disposizione le loro conoscenze ed il loro tempo per cercare di fermare o limitare questo scempio ambientale.

Ciò che ha maggiormente sorpreso positivamente è stato il contributo presentato sotto forma di opposizione dalle associazioni di agricoltori Kmečka Zveza e Coldiretti, le quali rappresentano buona parte delle aziende agricole delle Valli del Natisone. Come se non bastasse, la Coldiretti è l'organizzazione di settore con più iscritti del territorio regionale e nazionale!

Questo fatto ci fa ben sperare per l'auspicato esito della nostra battaglia, sottolinea ancora una volta che gli argomenti sollevati dal Movimento FreePlanine vanno al di là di come sono stati catalogati dal sindaco di Stregna Mauro Veneto: "quelli del no a tutto a priori!".

Per certo hanno presentato documenti di contrarietà alla variante numerosi privati cittadini oltre che alcune associazioni ambientaliste come il WWF. A rappresentanza del territorio hanno contribuito anche la Polisportiva di Tribil Superiore, il gruppo speleologico delle Valli del Natisone piuttosto che l'associazione alpinistica Planinska družina Benečija.

Nei prossimi giorni verranno resi disponibili su questo sito buona parte dei contributi, se non altro i più significativi, magari accompagnati da un breve commento.

Di seguito l'osservazione presentata da Caterina Dugaro, in rappresentanza del Movimento FreePlanine, nel quale si evidenza i risultati della raccolta firme, circa 1700, senza le quali sicuramente la vicenda non avrebbe avuto l'eco che sta martellando le orecchie di tutti noi.

Al Sindaco del Comune di Stregna

Municipio 33040 Stregna, Udine

Oggetto: osservazione alla variante n.3 al PRGC di Stregna

La sottoscritta Dugaro Caterina, nata a Udine il 24 novembre 1973, residente a Stregna via Dughe n.3, in rappresentanza del Movimento FreePlanine, chiede di tenere presente la seguente osservazione/opposizione in merito all'adozione della variante n.3 al piano regolatore generale comunale (PRGC) di Stregna.

Il Movimento FreePlanine è un gruppo spontaneo di cittadini sorto spontaneamente sul tema della difesa dei prati. Ha raccolto 1701 firme di dissenso dal contenuto della Variante in oggetto, tra le quali 130 di cittadini del Comune di Stregna. Inoltre, conta sull'adesione di numerose associazioni.

Sembra quasi superfluo considerare che un numero imprecisato, ma estremamente elevato di firmatari sono proprietari o compropietari di fondi interessati dalla proposta di Variante n.3 al PRGC di Stregna.

Innanzitutto è da premettere, trattandosi di Variante di iniziativa privata, che l’intento non è quello di osteggiare la proposta di un operatore economico né di contrastare lo sviluppo socioeconomico delle Valli del Natisone, ma semplicemente quello di contestare e cercare di migliorare le “regole” sul “dove” e “come” localizzare detti interventi.

La Variante coinvolge direttamente i luoghi che meglio caratterizzano la natura, il paesaggio e la cultura delle Valli del Natisone (ed il Planino ne è sicuramente uno dei più rappresentativi).

Di questi temi, unitamente all’approfondimento, discussione e proposizione di diversi modelli di sviluppo, anche turistico, più sostenibili, il Movimento FreePlanine si è fatto promotore in una serie di convegni che hanno visto la partecipazione attenta e numerosa della popolazione delle Valli del Natisone. Si è anche discusso e approfondito il contenuto della proposta Variante ma anche dello “Studio di fattibilità, pianificazione interventi coordinati per il ripristino, la valorizzazione e la fruizione del paesaggio del Comune di Stregna” approvato con deliberazione della Giunta Comunale n.42 del 19.06.2012.

In questi incontri, anche considerando la grande affluenza di pubblico, è emersa chiaramente la contrarietà della popolazione del Comune di Stregna ai progetti dell'amministrazione comunale!

Si crede infatti che l'amministrazione comunale dovrebbe continuare a perseguire gli obiettivi di recupero del patrimonio edilizio esistente, favorendo attività come l'Albergo Diffuso delle Valli del Natisone ed i Bed & Breakfast, adoperandosi allo stesso tempo nel mantenimeto del paesaggio seminaturale di cui il nostro territorio dispone.

Si è certi infatti che i prati di Tribil Superiore e Tribil Inferiore possano e debbano rappresentare, oltre ad altri siti di interesse naturalistico del comune, una valida attrattiva turistica che deve essere preservata da interventi edilizi.

La presente osservazione è sottoscritta per esprimere il dissenso e la contrarietà ai contenuti della Variante n.3 a favore della tutela dell’ambiente ed allo sviluppo sostenibile del Comune di Stregna.

Si chiede pertanto la revoca della proposta di variante n.3 al PRGC di Stregna.

Stregna, 16 novembre 2012

Dugaro Caterina